Dispenser per Cani: Suggerimenti per scegliere il prodotto giusto

L'Italia è uno degli Stati europei nei quali la percentuale di animali domestici, messa a confronto con il numero di residenti, risulta più elevata. Dai dati risultanti da recenti ricerche è emerso come una famiglia su tre condivida la propria quotidianità con un animale domestico. In cima alla lista, ovviamente, si trovano cani e gatti.

Spesso, però, gli amanti degli animali si trovano a dover fare i conti con impegni di lavoro particolarmente onerosi, che occupano gran parte delle giornate. Questo può rendere estremamente difficile prendersi cura dell'amico a quattro zampe. Fortunatamente, la tecnologia sta venendo in aiuto di chi ha poco tempo a disposizione proponendo degli accessori "intelligenti", progettati per facilitare determinate operazioni quotidiane. In particolare, per quanto riguarda i cani, un grande aiuto è arrivato dai diversi modelli di dispenser per cani.

Innanzitutto, le ciotole per cani automatiche non obbligano l'animale, nel caso in cui il padrone si trovi lontano da casa, ad affrontare lunghe ore di digiuno. Inoltre, i dispenser risultano estremamente utili anche quando una persona desidera tenere sotto controllo la quantità di cibo somministrata al cane. In questo modo si eviterà che il peso di quest'ultimo possa lievitare nel giro di pochi mesi a causa di abitudini poco sane. Buona parte dei distributori automatici per cani sono alimentati a pile e non tramite la rete elettrica. Questo per evitare la presenza di fili, che potrebbero finire tra le fauci del cane, danneggiandosi.

Il mercato propone diverse tipologie di ciotole automatiche.

Ad esempio, è possibile acquistare modelli dotati di sensore, che si aprono all'avvicinarsi dell'animale, richiudendosi quando quest'ultimo si allontana. Così facendo, evitano al cibo di rimanere esposto all'aria, deteriorandosi velocemente e rilasciando cattivi odori in casa. Altre, invece, affidano l'apertura ad un pulsante o ad una levetta. Saranno sufficienti pochi utilizzi al cane perché comprenda il funzionamento del meccanismo. Oltre ai dispenser per il cibo, sono fondamentali anche quelli per l'acqua, anch'essi collocabili in casa o all'esterno. Soprattutto nei mesi estivi, i cani sono abituati a bere molto, e garantire in ogni istante questa possibilità eviterà pericolosi fenomeni di disidratazione.

Alcuni modelli sono stati progettati per l'impiego all'interno dell'abitazione, garantendo la massima pulizia e presentando un design particolarmente accattivante. Per quanto riguarda i materiali utilizzati nella produzione di dispenser per cibo per cani, il mercato propone modelli leggeri, realizzati in plastica, molto semplici da spostare. A questi si affiancano versioni decisamente più resistenti, pensate per cani di grossa taglia, in grado di rimanere saldamente ancorati alla superficie. In questi casi, la ciotola è normalmente in acciaio inox. Tale materiale ha il vantaggio, una volta pulito, di non trattenere alcun odore percepibile dall'animale. I dispenser più resistenti possono essere posizionati senza problemi in giardino; potranno affrontare senza problemi le intemperie.

I dispenser per cani più gettonati sono quelli dotati di veri e propri pannelli di controllo, attraverso i quali è possibile programmare sia l'orario dei pasti che la quantità di cibo da erogare in ogni occasione. I modelli più avanzati consentono non solo di selezionare la quantità del mangime, ma anche di erogare una diversa tipologia di cibo in base all'ora o al giorno della settimana.

Questo permetterà di inserire anche dei premietti, ad esempio dei biscottini, regalando al cane un piccolo momento di gioia quando non si è presenti.

Solitamente, il padrone ha la possibilità di impostarli giornalmente, oppure con cadenza settimanale o mensile. Poter fare affidamento su dispenser ad erogazione pre-impostata è un grande vantaggio. Se è vero che i cani hanno la tendenza a mangiare sempre allo stesso orario (al contrario dei gatti, che preferiscono avere in ogni momento la ciotola piena, mangiando poco alla volta), questo potrebbe rappresentare un problema per i padroni, soprattutto per le persone che sono solite lavorare su turni.

In base alle abitudini del proprio cane, i padroni potranno programmare uno o più pasti quotidiani.

Non mancano modelli che consentono ai padroni di registrare la propria voce. Sono perfetti per i cani abituati a ricevere il cibo solamente da una determinata persona, che sarebbero molto diffidenti nel trovarsi di fronte un erogatore automatico. Grazie alla riproduzione della voce del padrone, l'erogatore non spaventerà più il cane. Il momento del pasto automatico verrà infatti associato a qualcosa di positivo, e il cane si avvicinerà con meno circospezione al cibo offerto. Oltre a poter registrare la propria voce, alcuni modelli di dispenser permettono di associare al momento dell'erogazione un segnale sonoro (nella maggior parte di cani si tratta di un suono personalizzabile).

Per quanto riguarda le capacità dei dispenser per cani, il mercato propone modelli ideali sia per taglie piccole che per razze di grandi dimensioni, abituate a consumare quantità di cibo sicuramente più elevate. Ad esempio, è possibile acquistare distributori con una capacità pari a 5 litri; il fatto di poter programmare l'erogazione del cibo scongiurerà il pericolo abbuffate. Inoltre, poter caricare una buona scorta di mangime consentirà di non ingombrare eccessivamente la dispensa con sacchi di cibo.

Se i modelli con carica dall'alto sono molto comuni, è possibile optare anche per dispenser per cani la cui forma ricorda da vicino quella di una classica ciotola. Solitamente possono contare sulla presenza di diversi scomparti, ognuno dei quali destinato a contenere una determinata tipologia di alimenti. Infine, alcune di tali ciotole offrono, sotto alla superficie, lo spazio sufficiente per inserire un apposito sacchetto per il ghiaccio, ideale per mantenere fresco il cibo nei mesi più caldi

Contenuti in Tema